Rifiuti, M5S: siamo in una brutta strettoia. Subito al lavoro per nuovo capitolato gara

Rifiuti, M5S: siamo in una brutta strettoia. Subito al lavoro per nuovo capitolato gara

Rifiuti, M5S: siamo in una brutta strettoia. Subito al lavoro per nuovo capitolato gara

Nel corso del Consiglio del 22 febbraio, il Portavoce del Movimento 5 Stelle Enzo Amendolagine ha rivolto all’Amministrazione alcune secche domande sulla gestione in corso ed ha espresso la posizione del Movimento sui passi che sarebbe opportuno intraprendere.

A Bisceglie si complica la telenovela sul servizio di igiene urbana. L’avevamo amaramente preannunciato in un nostro precedente comunicato stampa. Purtroppo avevamo visto giusto. Il Consiglio Comunale monotematico dello scorso 22 febbraio ha rappresentato l’ennesima disarmante puntata di una vicenda che l’Amministrazione Angarano è stata drammaticamente incapace di gestire. Sulla vicenda rifiuti, come su altre, la Giunta della Svolta è stata incapace di dare anche solo un accenno di indirizzo politico.

In Consiglio è stata illustrata, dopo l’acclarata impossibilità di scorrimento della graduatoria della vecchia gara, una road map – fra l’altro dettata, almeno così appare, più dai dirigenti amministrativi che dalla politica – che preoccupa sia in termini di praticabilità a breve termine sia in termini di sostenibilità economica. Si è annunciato un affidamento negoziato del servizio per 6 mesi in vista di una gara per un affidamento ponte di due anni. Il percorso, già intricato, si aggroviglia ancor di più.

Nel corso del Consiglio del 22 febbraio, il Portavoce del Movimento 5 Stelle Enzo Amendolagine ha rivolto all’Amministrazione alcune secche domande sulla gestione in corso ed ha espresso la posizione del Movimento sui passi che sarebbe opportuno intraprendere. Alcune delle domande del Portavoce M5S erano state già messe nero su bianco, prima della massima assise cittadina, in un’interrogazione che attende risposta scritta.

Il Consigliere del Movimento, in seguito alle dichiarazioni del Dirigente di settore – che ha annunciato che in passato sarebbero stati effettuati controlli sulla gestione del servizio da parte di Ambiente 2.0 e conseguentemente erogate penali per le inadempienze di servizio – ha chiesto, senza ottenere risposta, come sia stato possibile comminare tali penali senza che sia stato mai sottoscritto un contratto. Ancora sull’argomento, Amendolagine ha ribadito il rischio di eventuali contenziosi da parte del gestore uscente che potrebbe opporsi ai decurtamenti intervenuti a causa di penali che potrebbero essere state illegittimamente comminate. Oltre al danno la beffa: per mesi e mesi abbiamo assistito ad un servizio inefficiente e ora potremmo trovarci addirittura a risarcire il fornitore?

Il Portavoce M5S ha evidenziato l’incomprensibile immobilismo dell’Amministrazione di fronte alla pronuncia del Consiglio di Stato che a marzo 2018 aveva messo “fuori gioco” dall’aggiudicazione del servizio il consorzio Ambiente 2.0. “Per mesi si è prorogata reiteratamente l’assegnazione del servizio in capo ad Ambiente 2.0 e solo dopo un anno e passa si è proceduto a verificare la mancanza dei requisiti degli altri partecipanti alla gara e, quindi, si è accertata l’impossibilità di far scorrere la graduatoria della vecchia gara. Perchè si è aspettato tanto?”.

Angarano, su questa questione dei rifiuti, ha portato la città in una strettoia politico amministrativa rischiosissima. La procedura di affidamento temporaneo del servizio deve chiudersi entro pochi giorni: sono stati invitati a presentare offerte per la gestione provvisoria di 6 mesi alcune imprese: solo 2 sembrano avere risposto all’invito. Bisognerà in pochissimo tempo verificarne i requisiti e la congruità dell’offerta. Ha dato disponibilità a proseguire il servizio la stessa Ambiente 2.0: singolare come iniziativa dato che il Comune non poteva invitarla a presentare un’offerta, vista la pronuncia esecutiva del Consiglio di Stato; altrettanto singolare sarebbe che l’Amministrazione optasse per questa strada. Siamo alla commedia dell’assurdo. E tutto mentre la situazione igienica della città, già precaria, rischia di cadere nel giro di pochi giorni dalla padella alla brace. Restiamo in attesa nei prossimi giorni dell’esito di questa procedura. Speriamo, per il bene della città, in una soluzione, anche in zona Cesarini, che garantisca la continuità del servizio.

Il Movimento, infine, è pronto a dare il proprio contributo per la redazione del capitolato di gara del nuovo affidamento ponte. “Che fine ha fatto la strategia rifiuti zero? – ha chiesto a questo riguardo Amendolagine in Consiglio – “La tariffazione puntuale era stata approvata nella scorsa consiliatura dopo una petizione del Movimento e Angarano aveva fatto della strategia rifiuti zero una bandiera elettorale. Ne riproporremo l’inserimento nel capitolato della nuova procedura d’affidamento del servizio. Pur ricordando che la tariffazione puntuale era già prevista nel vecchio travagliato affidamento ma non è mai partita”.

Author: admin

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *